Cosa sono le ghiandole paratiroidee?

Le paratiroidi sono in genere quattro, situate nel collo, nella parte posteriore dei due lobi tiroidei, due per ogni lato. Sono troppo piccole per essere percepite al tatto e non presentano relazioni funzionali con la tiroide: regolano, invece, il livello di calcio nel sangue. Se il livello di calcio nel sangue scende, le ghiandole producono una maggiore quantità di ormone paratiroideo o paratormone (PTH). Il paratormone innesca una serie di meccanismi il cui risultato finale è il ripristino di una normale concentrazione di calcio nel sangue.


Cosa succede se il livello di calcio nel sangue aumenta o diminuisce?

In condizioni di aumentata attività delle paratiroidi, la concentrazione di calcio nel sangue (calcemia) aumenta. Una modesta ipercalcemia solitamente non determina la comparsa di sintomi; concentrazioni molto elevate si manifestano, invece, con nausea, vomito, stipsi e l'emissione di grandi quantità di urina (poliuria).

In condizioni di scarsa attività delle ghiandole paratiroidee, il livello di calcio scende sotto la soglia di normalità. Ciò può determinare delle iniziali sensazioni di formicolio, bruciore o puntura localizzate al viso, alle dita delle mani o dei piedi, seguite da violente contrazioni dei muscoli degli arti e del volto, sino alla comparsa di convulsioni generalizzate.

 

Perché la paratiroide diventa iperattiva?

L'aumentata attività delle paratiroidi o iperparatiroidismo è in genere determinata da un tumore benigno in una delle ghiandole. Il tumore secerne una eccessiva quantità di ormone paratiroideo e si determina un aumento della calcemia.

 

Quali sono le terapie disponibili?

Il trattamento è solitamente chirurgico e consiste nell'asportazione della ghiandola interessata. I pazienti non operabili, a causa dell'età o per la presenza di altre patologie, devono essere tenuti sotto osservazione con controlli occasionali consistenti in esami chimici del sangue.

 

Quali sono le cause della scarsa attività paratiroidea?

Le cause più comuni di ridotta o assente attività paratiroidea o ipoparatiroidismo sono rappresentate dalle lesioni vascolari accidentali, in corso di interventi chirurgici nella regione del collo, che ne compromettono l'irrorazione sanguigna, e dalla asportazione delle paratiroidi in corso di interventi sulla tiroide.

 

Come si cura l'ipoparatiroidismo?

Il trattamento prevede la somministrazione di calcitriolo, metabolita attivo della vitamina D o di alfacalcidolo. L'ormone paratiroideo non è disponibile in terapia.

Il calcitriolo è disponibile in commercio sotto forma di capsule e in forma iniettabile endovena. Viene assorbito rapidamente dopo somministrazione orale. Il dosaggio può variare da 0,5 a 1,5 mg al giorno.

L'alfacalcidolo è disponibile in capsule ed in gocce. E' assorbito a livello intestinale ed attivato a livello epatico. Il dosaggio giornaliero è di 0,5-1,5 mg.

Il principale rischio del trattamento con vitamina D e suoi derivati è rappresentato dall'ipercalcemia. Calcitriolo e alfacalcidiolo determinano una elevazione dei livelli di calcemia reversibile in alcuni giorni dopo la sospensione del farmaco. L'ipercalcemia causata da altri derivati può persistere per settimane o mesi dopo la sospensione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni sul sito

 

 

 

 

La risposta ai tuoi quesiti

 

La tiroide | Le malattie della tiroide: l'ipertiroidismo | L'ipotiroidismo | La tiroidite | Il gozzo | I noduli tiroidei |

 I test di funzionalità tiroidea | La terapia delle malattie tiroidee | Disordini delle paratiroidi

 

Per informazioni:

e-mail: info@dica33online.it

 

http://www.dica33online.it

 

 

Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net                 

___________________________________________________________

Data ultimo aggiornamento: 31 ottobre 2015