Small for gestational age

Chi sono i bambini nati piccoli per l’età gestazionale?

I bambini nati a termine, ma che risultano “piccoli per l’età gestazionale” (SGA, small for gestational age), perchè cresciuti troppo lentamente nel ventre materno, solitamente crescono, dopo la nascita, in proporzione, più degli altri; poi iniziano a seguire la curva di crescita normale.

I bambini nati piccoli per l’età gestazionale vengono definiti tali se presentano lunghezza e/o peso alla nascita inferiore al 10° centile rispetto all’età gestazionale.

Solitamente questi pazienti recuperano il deficit staturale entro il 3°-4° anno di vita. Nel 15-20% dei casi permangono di statura inferiore al 3° percentile pur in presenza di una normale secrezione di ormone della crescita.

Per identificare, nella prima infanzia, un bambino SGA occorre valutare la sua statura che risulta almeno 2,5 deviazioni standard (SD) sotto la media.

Nel valutare il ritardo di crescita occorre anche considerare il “target genetico” del bambino, cioè l’altezza potenziale, stimata in base all’altezza dei genitori.

Nascere piccoli per l’età gestazionale può quindi comportare, un significativo incremento del rischio di raggiungere una altezza adulta inferiore a -2 SD rispetto alla popolazione di riferimento, ma anche:

- un incremento del rischio di sviluppare problemi neurologici, riduzione delle performance scolastiche e difficoltà di socializzazione;

- un aumento della incidenza della sindrome metabolica (iperlipidemia, obesità, ipertensione e diabete di tipo 2 in età adulta;

- un aumento dell’incidenza di coronaropatie in età adulta

Cosa si può fare?

I bambini nati SGA che non hanno recuperato il ritardo di crescita entro i 4 anni di età dovrebbero essere valutati dallo specialista per la definizione di un eventuale trattamento terapeutico.

La terapia, prescrivibile solo da centri specializzati nel trattamento dei disturbi della crescita e autorizzati dalle Autorità sanitarie, viene effettuata mediante l'utilizzo di ormone della crescita biosintetico, che viene iniettato ogni giorno, per via sottocutanea, con semplici strumenti di somministrazione in maniera assolutamente indolore.

Il trattamento risulta efficace nell’indurre il recupero di crescita nei bambini SGA in età pre-puberale e influisce positivamente sui problemi psico-sociali e comportamentali causati dalla bassa statura.

La risposta al trattamento è migliore quando i bambini iniziano la terapia nella prima infanzia. E’ stato infatti dimostrato che:

- la risposta in termini di crescita durante il primo anno di trattamento è inversamente correlata all’età di inizio del trattamento;

- la velocità di crescita durante il primo anno di trattamento rappresenta un fattore predittivo della successiva crescita;

- la terapia a lungo termine non influenza l’età di esordio e la progressione della pubertà.

Il trattamento può essere effettuato in maniera continua o discontinua e con differenti dosaggi dell’ormone.

Il trattamento continuo con un più basso dosaggio di GH rappresenta l’opzione terapeutica nel caso in cui l’obiettivo primario è il raggiungimento dell’altezza definitiva e se il paziente non ha problemi di compliance a lungo termine.

Il trattamento discontinuo con più elevate dosi è l’opzione nel caso in cui l’obiettivo primario è la rapida normalizzazione dell’altezza e del peso nella prima infanzia e se la compliance a lungo termine risulta insoddisfacente.

Data ultimo aggiornamento: 1 ottobre 2018